UNIVERSE VIRTUAL
 ART GALLERY

Click here to edit subtitle

U N I V E R S E   V I R T U A L   A R T   G A L L E R Y

Fondata il 6 Luglio 2017

da Bruno Pollacci


Direttore Artistico:  Bruno Pollacci

 [email protected]


1a GALLERIA D'ARTE VIRTUALE


no profit, dedicata esclusivamente ad

ESPOSIZIONI PERSONALI E DI GRUPPO di PITTURA, GRAFICA, SCULTURA e FOTOGRAFIA

gratuite ed attraverso selezione artistica

per la diffusione dell'Arte e della Cultura, 



Le altre Gallerie del Team:


ACADEMY VIRTUAL ART GALLERY: http://academyvirtualartgallery.webs.com

RAINBOW VIRTUAL ART GALLERY . http://rainbowvirtualartgallery.webs.com

CLICCARE SU "PHOTO GALLERY", IN ALTO, NEL MENU, PER VISIONARE LE OPERE

PER VISITARE LA MOSTRA CLICCARE SU PHOTO GALLERY, NEL MENU, IN ALTO


Felix Nussbaum
(1904 - 1944)

"La Commedia del Dramma Esistenziale"

4 - 30 Aprile 2019

Mostra n° 25

Felix Nussbaum nacque nel 1904 ad Osnabrück, in Germania, da una famiglia di origine ebraica. Dedito all'arte fin da giovane, intraprese studi artistici specifici e durante il suo periodo di formazione incontrò la giovane pittrice polacca (anch'ella di origini ebraiche) Felka Platek, con la quale si sposò e con la quale, a causa dell'avvento del nazismo, nel 1933, iniziò una drammatica odissea di fuga. Scapparono prima in Italia e poi in Belgio, ma non riuscendo ad ottenere la cittadinanza, in quanto cittadino tedesco Nussbaum fu arrestato e deportato nel campo di Saint.Cyprien, nel sud della Francia. Dopo la resa della Francia Nussbaum e la moglie fuggirono ancora a Bruxelles, dove si nascosero per quattro anni, ma a causa della denuncia di un vicino di casa, furono arrestati nel 1944 e deportati nel campo di sterminio di Auschwitz, dove vennero uccisi nelle camere a gas il 2 agosto del 1944.

La pittura di Nussbaum si può inserire nel contesto storico-artistico della “Nuova Oggettività”, movimento artistico tedesco che utilizzava linguaggi molto realistici per esprimere ed affrontare tematiche sociali, politiche ed esistenziali, a volte con allegorie fantasiose o con deformazioni espressioniste. Le sue opere furono riscoperte e rivalutate negli anni '70 e e fù costituita la “Felix Nussbaum Haus”, museo che ospita circa 160 opere dell'artista . Questa mostra presenta un'estrema ma significativa sintesi del suo lavoro artistico.

*******

LE RAGIONI DI QUESTO SPAZIO ESPOSITIVO VIRTUALE


Fin dalle prime avvisaglie delle "crisi economiche" degli anni '70, l'organizzazione di mostre personali e collettive "fisiche" ha comportato e comporta, almeno nel 90/95% dei casi, la richiesta di denaro per coprire le spese di gestione degli spazi espositivi (gallerie d'Arte, Associazioni Culturali, Spazi Espositivi Pubblici) creando gravi difficoltà agli artisti e non permettendo, di fatto, ai gestori degli spazi espositivi, di organizzare esposizioni con quella totale libertà di selezione che sarebbe opportuna e necessaria per mantenere livelli di qualità almeno professionali, in sintonia con i concetti di "Arte" e "Cultura". Si è quindi creato un sistema che ha favorito l'esposizione indiscriminata di operatori in grado e disposti a sostenere il "ricatto" dell'esposizione solo dietro pagamento, ma non rispondenti ai più elementari canoni di professionalità artistica, penalizzando preparati e talentuosi artisti non in grado o non disposti al pagamento. L'Artista è colui che con il suo complesso lavoro, frutto di conoscenze tecnico/artigianali e genio creativo, offre il bene primario dell'"opera d'Arte" e la sua opportunità di condivisione con il pubblico non deve essere condizionata dall'esborso di denaro (qualunque ne sia l'entità) ma solo attraverso serie e qualificate selezioni professionali, e le eventuali spese di gestione degli organizzatori e gestori di spazi espositivi devono essere coperte utilizzando fonti alternative a quelle degli artisti (sponsor pubblici e/o privati, donazioni, crowfounding, vendite promozionali a scopo, ecc.). Inoltre negli ultimi anni è andata scemando sempre più la frequentazione degli spazi espositivi (per pigrizia, superficialità, disinteresse, mancanza di rispetto e considerazione per l'operato artistico), fino a garantire solo piccoli manipoli dei soliti amichevoli frequentatori ed esclusivamente nelle poche ore del giorno inaugurale, vanificando oggettivamente tutto il lavoro creativo investito da mesi (o anni) in funzione della mostra e tutto il suo composito impegno organizzativo (incorniciatura opere grafico/pittoriche e basi per sculture, progettazione, composizione e stampa di brochure e locandine, pianificazione pubblicitaria, comunicati stampa agli organi d'informazione cartacea e web, allestimento mostra, cocktail d'inaugurazione, disallestimento, trasporto opere a/r). In conseguenza a queste problematiche l'artista è sempre più sottoposto a stress, sfiducia, delusione, demotivazione, fino ai casi più gravi di abbandono delle attività espositive e/o abbandono della stessa attività artistica, disperdendo di fatto valori e potenzialità preziose, in grado di ingentilire e qualificare l'iter esistenziale della stessa Umanità, che da sempre, grazie all'Arte, ha potuto godere vei valori assoluti del "bello", della fantasia e delle intuizioni creative dell'Uomo. Per queste ragioni è stato ritenuto necessario ed opportuno creare "UNIVERSE VIRTUAL ART GALLERY", spazio espositivo alternativo che dedica il suo "ambiente" interamente ed esclusivamente all'artista o al gruppo di artisti in mostre temporanee come quelle "fisiche", ma in modo completamente gratuito ed utilizzando lo strumento della selettività meritocratica, quindi attraverso l'identificazione di oggettivi valori di professionalità tecnica ed espressiva. In più garantendo una visibilità anche a livelli internazionali potenzialmente illimitata, grazie alla facile diffusione del link alla mostra in corso, pubblicizzabile con un semplice click su tutti i "social", nelle mailing list ed in tutti gli spazi fisici e virtuali che si desiderano utilizzare per condividere l'evento. Benvenuti e buona visita.


Il Direttore

Bruno Pollacci