UNIVERSE VIRTUAL
 ART GALLERY

Click here to edit subtitle

U N I V E R S E   V I R T U A L   A R T   G A L L E R Y

Fondata il 6 Luglio 2017

da Bruno Pollacci


Direttore Artistico:  Bruno Pollacci

 [email protected]


1a GALLERIA D'ARTE VIRTUALE


no profit, dedicata esclusivamente ad

ESPOSIZIONI PERSONALI E DI GRUPPO di PITTURA, GRAFICA, SCULTURA e FOTOGRAFIA

gratuite ed attraverso selezione artistica

per la diffusione dell'Arte e della Cultura, 



Le altre Gallerie del Team:


ACADEMY VIRTUAL ART GALLERY: http://academyvirtualartgallery.webs.com

RAINBOW VIRTUAL ART GALLERY . http://rainbowvirtualartgallery.webs.com

CLICCARE SU "PHOTO GALLERY", IN ALTO, NEL MENU, PER VISIONARE LE OPERE

PER VISITARE LA MOSTRA CLICCARE SU PHOTO GALLERY, NEL MENU, IN ALTO


ALBERTO
SAVINIO
(1891 - 1952)

"I Percorsi della Fantasia"

2 Dicembre 2019
28 Febbraio 2020

Mostra n° 31

Alberto Savinio nacque il 25 Agosto 1891, ad Atene, in Grecia, (nome vero e completo Andrea Francesco Alberto De Chirico), che fu anche scrittore e compositore. Figlio di genitori della nobiltà italiana (il padre, figlio del barone palermitano Giorgio Filigone de Chirico, come ingegnere ferroviario, aveva avuto un'importante commissione in Grecia, e la madre era la baronessa Gemma Cervetto) e fratello del pittore Giorgio De Chirico. Ebbe anche la passione per la musica e si diplomò a pieni voti al Conservatorio di Atene. Dopo il 1905, alla morte del padre, soggiornò a Venezia, a Milano, a Monaco di Baviera e poi a Parigi, dove conobbe e frequentò esponenti delle avanguardie artistiche come Pablo Picasso, Francis Picabia, Jean Cocteau, Max Jacob e Guillaume Apollinaire. Dal 1914 utilizzò lo pseudonimo di Alberto Savinio, e come scrittore, critico e giornalista collaborò con molte riviste di prestigio italiane ed internazionali, vincendo anche il Premio Saint Vincent per il giornalismo nel 1949. Nel 1915 ritornò in Italia, con il fratello Giorgio, frequentando Carlo Carrà, Filippo De Pisis, Giovanni Papini ed Ardengo Soffici e collaborando anche con Luigi Pirandello. Dal 1927 si trasferì a Parigi dedicandosi alla pittura, ma nel 1933 fece ritorno definitivamente in Italia. Pittore dalle ambientazioni surrealiste originali e geniali e dai colori vivaci, da molti viene considerato anche di maggior pregio pittorico del più celebrato fratello. Morì a 61 anni, a Roma, nel 1952. Questa mostra raccoglie una significativa selezione della sua opera.

*******

LE RAGIONI DI QUESTO SPAZIO ESPOSITIVO VIRTUALE


Fin dalle prime avvisaglie delle "crisi economiche" degli anni '70, l'organizzazione di mostre personali e collettive "fisiche" ha comportato e comporta, almeno nel 90/95% dei casi, la richiesta di denaro per coprire le spese di gestione degli spazi espositivi (gallerie d'Arte, Associazioni Culturali, Spazi Espositivi Pubblici) creando gravi difficoltà agli artisti e non permettendo, di fatto, ai gestori degli spazi espositivi, di organizzare esposizioni con quella totale libertà di selezione che sarebbe opportuna e necessaria per mantenere livelli di qualità almeno professionali, in sintonia con i concetti di "Arte" e "Cultura". Si è quindi creato un sistema che ha favorito l'esposizione indiscriminata di operatori in grado e disposti a sostenere il "ricatto" dell'esposizione solo dietro pagamento, ma non rispondenti ai più elementari canoni di professionalità artistica, penalizzando preparati e talentuosi artisti non in grado o non disposti al pagamento. L'Artista è colui che con il suo complesso lavoro, frutto di conoscenze tecnico/artigianali e genio creativo, offre il bene primario dell'"opera d'Arte" e la sua opportunità di condivisione con il pubblico non deve essere condizionata dall'esborso di denaro (qualunque ne sia l'entità) ma solo attraverso serie e qualificate selezioni professionali, e le eventuali spese di gestione degli organizzatori e gestori di spazi espositivi devono essere coperte utilizzando fonti alternative a quelle degli artisti (sponsor pubblici e/o privati, donazioni, crowfounding, vendite promozionali a scopo, ecc.). Inoltre negli ultimi anni è andata scemando sempre più la frequentazione degli spazi espositivi (per pigrizia, superficialità, disinteresse, mancanza di rispetto e considerazione per l'operato artistico), fino a garantire solo piccoli manipoli dei soliti amichevoli frequentatori ed esclusivamente nelle poche ore del giorno inaugurale, vanificando oggettivamente tutto il lavoro creativo investito da mesi (o anni) in funzione della mostra e tutto il suo composito impegno organizzativo (incorniciatura opere grafico/pittoriche e basi per sculture, progettazione, composizione e stampa di brochure e locandine, pianificazione pubblicitaria, comunicati stampa agli organi d'informazione cartacea e web, allestimento mostra, cocktail d'inaugurazione, disallestimento, trasporto opere a/r). In conseguenza a queste problematiche l'artista è sempre più sottoposto a stress, sfiducia, delusione, demotivazione, fino ai casi più gravi di abbandono delle attività espositive e/o abbandono della stessa attività artistica, disperdendo di fatto valori e potenzialità preziose, in grado di ingentilire e qualificare l'iter esistenziale della stessa Umanità, che da sempre, grazie all'Arte, ha potuto godere vei valori assoluti del "bello", della fantasia e delle intuizioni creative dell'Uomo. Per queste ragioni è stato ritenuto necessario ed opportuno creare "UNIVERSE VIRTUAL ART GALLERY", spazio espositivo alternativo che dedica il suo "ambiente" interamente ed esclusivamente all'artista o al gruppo di artisti in mostre temporanee come quelle "fisiche", ma in modo completamente gratuito ed utilizzando lo strumento della selettività meritocratica, quindi attraverso l'identificazione di oggettivi valori di professionalità tecnica ed espressiva. In più garantendo una visibilità anche a livelli internazionali potenzialmente illimitata, grazie alla facile diffusione del link alla mostra in corso, pubblicizzabile con un semplice click su tutti i "social", nelle mailing list ed in tutti gli spazi fisici e virtuali che si desiderano utilizzare per condividere l'evento. Benvenuti e buona visita.


Il Direttore

Bruno Pollacci